Patent-box-uso-diretto

Patent Box settore fashion – utilizzo diretto dei beni immateriali

La disciplina del Patent Box, anche se completa, è ancora poco chiara a professionisti ed imprenditori. A completamento della guida pratica del nostro sito, proponiamo ogni settimana alcuni casi pratici che posso chiarire la portata della normativa per la tassazione separata del diritto d’autore, appunto il Patent Box.

Il Patent Box per il settore fashion – incentivi per i marchi

Il caso è cui ci riferiamo è quello di un’azienda del settore moda che si occupa della distribuzione di capi di abbigliamento, la quale avviene attraverso il proprio marchio commerciale.

La produzione dei capi d’abbigliamento è totalmente affidata a terzi, mentre l’impresa cura direttamente la distribuzione.

In questo articolo vedremo come calcolare i benefici da Patent Box per l’agevolazione dei redditi derivanti dall’utilizzo di marchi tramite il metodo denominato Patent Road, che consente di determinare con esattezza e per fasi i redditi da sottoporre a tassazione agevolata.

Individuazione dei beni immateriali

patent-box-fashion-valorizzazione

La parte preliminare del Patent Road Method prevede di individuare i beni immateriali opzionabili con il Patent Box attraverso un’analisi dell’attività aziendale, in particolare sarà necessario scorporare i redditi derivanti dall’utilizzo del marchio da quelli non collegati. A tale scopo può essere utile il fatto che l’azienda sia dotata o meno di contabilità analitica o industriale.

Nel nostro caso è presente un bene immateriale che corrisponde al marchio commerciale: si tratta di un bene opzionabile in quanto:

1. Il marchio è di proprietà dell’azienda

2. Il marchio ha contribuito alla formazione del reddito

3. L’azienda ha investito nel marchio con le seguenti attività di ricerca e sviluppo:

– attività di comunicazione e promozione (attraverso fiere, sponsorizzazioni, ecc.)

– spese effettuate per la sua registrazione e il suo mantenimento

– spese effettuate per tutelare e difendere il marchio dai tentativi di imitazione in Italia e all’estero.


Vuoi saperne di più sui beni immateriali?

 

Valorizzazione del bene

In questo caso l’azienda valorizza il proprio bene immateriale tramite un tipo di utilizzo diretto, in quanto il reddito che realizza è il risultato della vendita di prodotti in cui è incorporato il valore del marchio.

L’azienda è titolare del diritto allo sfruttamento economico del bene immateriale e, come descritto in precedenza, ha svolto attività  finalizzate allo sviluppo, all’accrescimento e al mantenimento del valore dello stesso.

Ruling

La procedura di ruling è quell’attività svolta in collaborazione con l’Agenzia delle Entrate che consente di determinare, senza alcun dubbio, come valorizzare il bene e come calcolare i benefici del Patent Box per quella singola azienda. Durante questa fase, l’impresa presenta all’agenzia competente le proprie deduzioni ed i propri calcoli, ed avvia un confronto che porterà alla determinazione dell’agevolazione, o meglio del reddito agevolabile.

In questo caso il bene è utilizzato direttamente, ragion per cui la procedura di ruling è comunque obbligatoria. Esiste anche una procedura semplificata, che non richiede alcun passaggio preliminare, attivato ad esempio quando il bene produce royalty.

Il reddito agevolabile definito a seguito della procedura di ruling è pari a € 7.200.000.

Patent box fashion calcolo

 

Calcolo dell’agevolazione Patent Box

Il terzo step del Patent Road Method consiste nel calcolo del beneficio.
Per quantificarlo, occorre moltiplicare il reddito agevolabile per il nexus ratio e, successivamente, per la percentuale di detassazione del 50% (a regime).

Per l’anno 2015 l’azienda ha fatturato circa € 36 miloni e ottenuto un utile di € 5 milioni.

Procediamo con il calcolo del beneficio :

  1. Il reddito agevolabile è pari a € 7.200.000
  2. Il nexus ratio è pari a 1 in quanto l’azienda ha creato essa stessa il marchio
  3. La percentuale di detassazione è pari al 50% (per l’anno di transazione 2015 è ridotta al 30%)

Pertanto:
(€ 7.200.000 reddito agevolabile) X (1 nexus ratio) X (30% percentuale di detassazione)

Per i cinque anni di durata dell’opzione il beneficio corrisponde, quindi, a € 15.840.000.

Il Patent Box 2016 avrà infatti una tassazione agevolata del 40%

Mentre la percentuale di detassazione, a partire dal 2017, sarà definitivamente a pieno regime e corrisponderà al 50%.