Patent Box - come far crescere l'azienda

Patent box: come far crescere l’impresa reinvestendo sugli utili

L’inserimento del Patent box nella peculiarità dell’assetto industriale e produttivo italiano ha il preciso compito di dare slancio a chi ha investito sul brand del proprio prodotto, a chi detiene un importante know how, industriale e in generale, alla grande creatività dell’imprenditoria italiana.

Si tratta in sostanza, di consentire alle aziende di crescere risparmiando sugli utili.

La lunga crisi economica che ha sferzato l’assetto produttivo italiano negli ultimi dieci anni non ha intaccato, se non addirittura ha rafforzato, la spina dorsale del principale “asset” nazionale: la media impresa. Non che non ci siano state vittime tra queste aziende per il perdurare delle difficoltà, ma come rivela l’analisi di Mediobanca del giugno scorso, chi è riuscito a resistere, chi si è strutturato per reggere alla crisi con piani realistici e calibrati, ora sta crescendo.

 

patent box utili

La ricetta ideale è quella di un buon rapporto tra presenza nei confini nazionali e valida capacità di esportazione. Le oltre tremila imprese italiane con fatturati che variano tra i 16 e i 355 milioni e risorse umane tra le 50 e le 500 unità, si trovano per più della metà in Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna (64%) e tra il 2005 e il 2014 sono riuscite a far crescere il loro fatturato del 35%, più del doppio rispetto alle equivalenti aziende del settore manifatturiero.

 

Agevolazioni fiscali: nella Legge di Stabilità Bonus Ricerca e Patent Box

Nella Legge di Stabilità del 2015, approvata dal governo, sono stati inseriti due dispositivi per agevolare le aziende dal punto di vista fiscale che potrebbero avere una loro incidenza per l’ulteriore accelerazione del settore: il “Bonus Ricerca” e il “Patent Box”.

Si tratta, di misure già applicate in altri paesi europei e che arrivano con qualche ritardo in Italia, ma che, come si anticipava in apertura, possono avere un’importante ruolo proprio per le imprese che hanno investito molto sul proprio brand e che hanno fatto della ricerca e della innovazione le chiavi per uscire dalla crisi.


Vuoi saperne di più sui benefici e il funzionamento del Patent Box?

Cosa sono il Bonus Ricerca e il Patent Box?

Si tratta di misure che si inquadrano in un percorso di norme che è iniziato nel 2012 con i primi decreti dedicati alle start up e alle misure a favore della liberalizzazione di strumenti di credito e investimento dedicati alle PMI.

A cosa serve il Bonus Ricerca?

Invoglia l’azienda all’investimento permettendole di ottenere un contributo come credito d’imposta proporzionale al maggior investimento effettuato in riferimento ai tre anni precedenti. E’ un incentivo rispetto all’aumento dell’investimento storico dell’impresa.

A cosa serve il Patent Box?

Ha come oggetto i redditi che sono frutto degli investimenti in beni immateriali che non si riferiscono solo agli investimenti in Ricerca e Sviluppo, ma anche a quelli in comunicazione, in marchi e in quanto va a incrementare il valore dei beni immateriali dell’impresa.

Patent Box e comunicazione

Prevede, praticamente, l’esclusione della tassazione di una quota del reddito derivante da queste voci dal 30 al 50 %.

Il Patent Box in Italia

 Sebbene tardivo, il Patent box italiano è ampio nella sua potenziale applicazione e costruito su misura per la realtà italiana. Beni immateriali come marchi, disegni, modelli e know how in altre realtà europee e in altri modelli non sono inclusi. In Italia è accessibile alle aziende della moda, del food, e alle aziende con know how anche tecnologico importante.

Il “nostro” Patent box è ora un elemento strutturale rispetto al quale le imprese saranno in grado di fare una programmazione degli investimenti. Già nel 2015 più di 4 mila aziende hanno aderito a questo regime. Il Patent Box è infatti opzionale, si aderisce volontariamente, ha durata quinquennale ed è rinnovabile.

 

 

 

Salva